12 consigli pratici e veloci per trovare un nuovo lavoro

Dopo circa 50 articoli scritti, voglio riassumere in un unico articolo i 12 consigli pratici e veloci per trovare un nuovo lavoro dato che, specialmente in tempi di crisi, cercare lavoro è l’unico lavoro a tempo pieno da cui vuoi “licenziarti” il prima possibile.

Infatti, a meno che tu non sia uno dei pochi fortunati che lavora in un settore molto richiesto, trovare un nuovo lavoro può essere un’esperienza stressante e frustrante …
a meno che tu non usi le strategie proattive (valide per tutti), che sto per elencarti.

1. cerca con le idee chiare su ciò che vuoi

Ne ho parlato col primo articolo di Curriculum Vincente: Parti da te stesso. Prima di iniziare la ricerca di lavoro, prenditi il ​​tempo per riflettere sui tuoi punti di forza e di debolezza e sul tipo di lavoro che ti piace fare. Più conosci te stesso, più è probabile che troverai un nuovo lavoro che ti dà maggiore soddisfazione. Cosa vuoi in un lavoro? Cosa ti gratifica? Se cerchi semplicemente “un lavoro qualsiasi” per mantenerti, ti accorgerai presto che non ti basterà e che vorrai altro: parti quindi bene mettendo in chiaro delle sane ambizioni per sviluppare una carriera in futuro!

2. Ricerca le aziende target

Una volta che sai cosa vuoi, devi capire a chi proporti. Se per l’estero c’è Glassdoor, in Italia ci sono i dati ufficiali della Camera di Commercio ( http://www.registroimprese.it/ ) per individuare le imprese sul tuo territorio, oltre che il passaparola ed il networking on-line che, tra l’altro, ti aiuterà a farti un’idea della cultura delle singole realtà e cosa potrebbero chiederti in intervista.

3. Personalizza il tuo curriculum per ogni lavoro

Il tuo curriculum sarà sempre uno degli strumenti più importanti di una ricerca di lavoro: ecco perché con Curriculum Vincente siamo partiti dal CV per darti tutti gli strumenti necessari per realizzarne uno perfetto! Il CV è sia uno strumento di ricerca di lavoro, che uno di introspezione e scoperta di te stesso.
Dopo tutto quello che ho scritto, non mi ripeterò tranne sul fatto che è importante personalizzare il tuo CV con la tecnica del tailoring ogni volta che puoi.
A tal riguardo, studia bene gli annunci di lavoro che riguardano il tuo lavoro ideale per essere certo di avere tutti i requisiti che davvero le imprese chiedono: oggi essere laureati e diplomati non basta più e non basta essere “persone in gamba” se si è troppo disallineati rispetto ai requisiti di qualifiche e competenze richiesti dalle imprese nel modo reale!

4. lavora sul tuo personal branding

È un processo costante, da fare sempre sia su internet che nella vita quotidiana: noi siamo sempre i primi responsabili di come gli altri ci vedono. Pertanto è importante risultare sempre professionali e lasciare sul web delle tracce di competenza, passione, aggiornamento e compostezza relazionale (nessuno vuole gente che fa casino e crea conflitti).
LinkedIN in particolare è una grande risorsa per trovare referenze nelle aziende che ti interessano e anche per “posizionarti” (o meglio per posizionare il tuo marchio personale) nella direzione più congeniale affinché i recruiter possano trovarti e apprezzarti.

5. Organizzati

Abbiamo visto come cercare lavoro anche nel mondo “sommerso” che esula dagli annunci pubblicati e come sia importante scegliere i tuoi canali di ricerca, selezionandone tra 3 a 5, per non perdersi nel caos. Tieni anche traccia delle imprese che contatti: un semplice foglio di calcolo ad es. con Excel funziona più che bene per tenere traccia dei lavori per i quali hai fatto domanda, dove sei stato invitato a colloquio, quando, ecc.

6. Costruisci, coltiva e utilizza la tua rete di contatti

Per la stragrande maggioranza delle persone in cerca di lavoro, una vasta e solida rete di contatti, composta da persone che ti conoscono e che vogliono aiutarti a trovare lavoro, migliorerà decisamente le tue possibilità di riuscita. Fare networking (rete) di persona e online è essenziale.

In particolare, non aver paura di contattare le persone su LinkedIn per chiedere informazioni o supporto per seguire le tue candidature! I selettori del personale spesso preferiscono intervistare le persone segnalate internamente prima di filtrare le nuove candidature arrivate dall’esterno perché sanno che è importante preservare ambienti di lavoro armoniosi.

Inoltre, creare una buona rete di supporto ed avere persone con cui confrontarti e sfogare le tue frustrazioni ti aiuterà a raggiungere prima i tuoi obiettivi e gestire la difficile fase di disoccupazione.

7. non solo annunci on-line: esci di casa!

Ricordati che non esistono solo le opportunità on-line, ma anzi gli annunci rappresentano il momento della massima competizione. Contatta direttamente le imprese che ti interessano e parla con amici e conoscenti del fatto che stai cercando lavoro, cerca le opportunità di parlare dal vivo con imprenditori e recruiter: potresti raggiungere direttamente i decisori chiave saltando le procedure intermedie!

8.ogni giorno, il tuo dovere

Anche se i miei CV ti fanno risparmiare tempo ed energie rispetto a chi non li usa, ti serve comunque sviluppare un certo “volume di fuoco” sulle imprese bersaglio: dato che i tempi si allungano, è facile scoraggiarsi e distrarsi! Per questo devi darti degli obiettivi a breve termine come “devo rispondere ogni giorno a 10 annunci, di cui almeno 3 devono essere tramite CV personalizzati in base all’annuncio; devo visitare 2 fiere del lavoro al mese, 1 evento di networking a settimana e contattare almeno 5 imprenditori al mese”.
Solo così puoi motivarti e crearti una solida base di successo: non puoi controllare il risultato perché non dipende solo da te, ma puoi controllare il metodo che usi, influenzando il processo che ti porta ai risultati.

9. trattati bene, senza sensi di colpa

Per esperienza, posso dirti che una delle principali tendenze di chi cerca lavoro è quella di privarsi di ogni attività non fondamentale, come divertimento, uscite con gli amici, sport etc. perché non sa quando riprenderà a lavorare e giustamente vuole tenersi dei risparmi. Tuttavia un’attività di solo lavoro, sacrifici e solitudine intaccherà la tua motivazione (oltre che le tue capacità di networking) e il tuo umore quando arriverai in intervista. Pertanto, non dico di andare ogni giorno al ristorante o in discoteca ma trova sempre del tempo per fare attività piacevoli come uscire con gli amici, rilassarti, fare sport, meditare, suonare uno strumento o qualunque cosa ti aiuti a stare bene senza sentirti in colpa: il tuo benessere è funzionale al tuo successo!

Questo punto è molto importante anche per un altro motivo: un atteggiamento positivo ti protegge dal rischio di auto-sabotarti a colloquio. I datori di lavoro possono percepire la  disperazione nei candidati e le organizzazioni vogliono assumere persone positive e competenti, che risolvono problemi anziché portare i loro problemi personali nel nuovo contesto lavorativo. Se sei rimasto disoccupato per lungo tempo e questo ti ha causato una certa forma di depressione, oppure sei stato licenziato per ridimensionamento e sei ancora furente ed arrabbiato, trova un modo per ritrovare il tuo equilibrio emotivo e scrollarti ti dosso la negatività prima di farti male da solo.

10. allenati con lo storytelling e preparati per le interviste

Questo è uno dei consigli principali che do sempre a tutti per le interviste ed i colloqui di lavoro: le persone ricordano meglio le storie, quindi dovresti avere sempre pronte delle storie con il metodo STAR da utilizzare ai colloqui o ai meeting per le PR che possano entusiasmare e far ricordare i tuoi risultati e la passione per il tuo lavoro. Sii memorabile!

Ricordati sempre di prepararti per ogni intervista, raccogliendo dati sull’impresa e cercando di prevenire le domande che ti verranno fatte. Se puoi, allenati con un coach esperto o, se non puoi permettertelo, almeno con un amico o un familiare che ti metta sotto torchio!

11. ringrazia sempre e monitora le candidature

Manda sempre una breve nota per email dove ringrazi gli intervistatori e confermi il tuo interesse per azienda, posizione e lavoro: ti aiuterà a distinguerti dalla maggior parte delle persone in cerca di lavoro che non si cureranno di questa semplice cortesia. Inoltre, tieni sempre monitorate le tue candidature per capire come si comportano le imprese, come spiegato nell’apposita sessione di Curriculum Vincente.

12. preparati al peggio

Uno dei rischi della ricerca di lavoro sta nel tempo che passa, mentre i tuoi risparmi si assottigliano: se trovi lavoro al primo colpo, credimi che sei molto fortunato: anche se col mio metodo posso farti risparmiare tempo ed evitarti errori che potresti pagare cari, ci vuole comunque il suo tempo per trovare l’opportunità giusta e ottenere la posizione che desideri. Realisticamente, parlo di mesi, né di settimane e né di anni (come invece capita ad altri).
Pertanto dovresti prepararti sia mentalmente che economicamente per una lunga lotta contro altri candidati: conteggia bene le tue finanze, vedi di quanta autonomia finanziaria disponi, sospendi le spese inutili ma – come detto prima – continua a trattarti bene e, se puoi, cerca anche un part-time poco qualificato per pagare le bollette che non metterai nel tuo CV ma che ti servirà per avere il tempo di cercare il lavoro che vuoi davvero..


2 note finali d’aiuto


Anche se sai fare il tuo lavoro molto bene, potresti aver bisogno di ulteriore formazione per qualificarti o aggiornarti, specialmente se stai cercando di cambiare professione e carriera. Valuta a tal riguardo anche un breve periodo di volontariato per acquisire l’esperienza che ti serve e creare contatti di rete che possano portare a una posizione a tempo pieno.

Nei casi più estremi, potrebbe essere necessario considerare il trasferimento in un luogo con una maggiore concentrazione di posti di lavoro nel tuo campo. Non dico come ho fatto io con Londra, ma quasi.

Alla fine di tutto questo, spero che tu abbia trovato utili questi suggerimenti per trovare un lavoro. Questo articolo fa da ponte tra la scrittura del CV e le tecniche per superare i colloqui di lavoro e mi piacerebbe sapere cosa cambierai nella ricerca di lavoro dopo aver letto sin qui.

Hai bisogno d’aiuto col CV o con le tecniche per superare i colloqui di lavoro? Contattami!

Mattia Loy
ilcurriculumvincente@gmail.com

3 pensieri su “12 consigli pratici e veloci per trovare un nuovo lavoro

    • Mattia Loy scrive:

      Ciao Vicky! Sono delle buone regole che valgono ovunque, anche se poi bisogna un minimo adattarle alle caratteristiche culturali della Nazione dove si vuole lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.