Il CV bello bello in modo assurdo che non serve a niente

Studio dei casi: il CV bello bello in modo assurdo che non serve a niente.

Da poco, un potenziale cliente di Curriculum Vincente mi ha contattato, incuriosito dalle sempre più numerose testimonianze di efficacia del mio lavoro ma anche dubbioso per la sobrietà grafica dei miei CV.

“Eh ma io vedo molti miei colleghi con CV coloratissimi e belli!
Con Master alla Bocconi ed esperienze in multinazionali e….”

STOP! Qui innanzitutto i problemi sono due e sono distinti:

  1. Riguardo la prima parte del “cv coloratissimi e belli“, ti ripeto quanto già specificato più volte sulle pagine di Curriculum Vincente: NON SERVONO A NIENTE E SONO CONTRO-PRODUTTIVI. Infatti, se ti proponi con un CV troppo carico di elementi decorativi, finisci soltanto per distrarre il recruiter, per rendere più scomoda la stampa del file, specialmente in bianco e nero, e soprattutto stai comunicando implicitamente che ti servono espedienti come colori accesi e grafica per coprire la pochezza della tua sostanza.
  2. Io non scrivo bugie su nessun CV: la mancanza di grandi esperienze o qualifiche innanzitutto non è un problema di per sé (chi ti ha detto che è necessariamente meglio?) perché dipende dal ruolo, posizione e contesto in cui ti candidi. Essere troppo “grossi” e forti significa anche costare di più e rischiare di essere percepiti come sovra-qualificati. E, se è un problema di competitività, non riguarda la scrittura del CV ma i contenuti: parlo delle tue esperienze e scelte di vita soggettive – che  comunque si possono risolvere con del coaching fatto assieme.

Ora, semi-citando il mitico, divertente e sarcastico film Zoolander di Ben Stiller, c’è decisamente altro nella vita oltre un CV “bello bello in modo assurdo” ed è la sostanza di quello che hai fatto in passato, dei tuoi traguardi, della tua capacità di produrre valore per un’impresa e di trasmetterlo in prospettiva al lettore tramite uno strumento che non solo è scritto bene ma che denota competenze come capacità di sintesi, espressione, orientamento al cliente, organizzazione e buon gusto, oltre che di conoscenza ed utilizzo dei programmi di Microsoft Office.

Ragionaci un attimo: pensi forse che avere un CV più bello degli altri ti faccia guadagnare punti sulla concorrenza? Oppure che possa farlo un CV che realmente parla di te e fa capire che sei più bravo dei tuoi concorrenti, più allineato alle richieste dell’azienda che potrebbe assumerti e più compatibile con i suoi valori?

Solo questo, come spiegato nei vari articoli, rende il tuo curriculum davvero vincente, non renderlo bello ma vuoto: ciò lo farà finire solo nella pila degli scarti e, se stai cercando semplicemente un CV bello a guardarsi ma privo di sostanza, allora non sei pronto per entrare nel mondo di successi di Curriculum Vincente.

In caso contrario, l’indirizzo per una valutazione gratuita del tuo CV e per contattarmi per il coaching e gli altri servizi è questo:

ilcurriculumvincente@gmail.com
Mattia Loy

 

Personal Branding e Big Data – la libertà di essere

Immagino che avrai sentito parlare spesso di personal branding e big data ed in questo articolo di Curriculum Vincente intendo spiegarti cosa sono e come puoi sfruttarli al meglio per trovare lavoro preservando al contempo la tua libertà di essere, anziché esserne schiacciato. Oggi internet può aiutarti a trovare lavoro o distruggerti le possibilità di carriera assieme alla vita: vediamo come.

Continua a leggere

Curriculum vitae per venditori, rappresentanti e agenti di commercio

COME CREARE IL Curriculum VINCENTE per “COMMERCIALI” GRAZIE A TRAGUARDI E RISULTATI QUANTIFICATI

Che tu sia un “commerciale” o addetto vendite di qualunque tipo (e, per estensione, anche i responsabili marketing e commerciali ed i buyer), il tuo lavoro è molto impegnativo perché hai la responsabilità della produzione ma almeno una cosa per te è più facile rispetto ad altri: ottenere l’effetto WOW per il tuo CV tramite la corretta quantificazione dei tuoi traguardi e risultati.
Un vantaggio nella creazione del Curriculum vitae per venditori, rappresentanti e agenti di commercio in generale, in fatti, è che i traguardi di vendita sono facilmente quantificabili e traducibili in numeri , sui quali poi si basa il valore di un venditore: solo i professionisti, infatti, sanno “fare i numeri” e tu devi essere pronto a mostrare cosa hai già prodotto come valido indicatore della tua affidabilità e competenze.

Se ti chiedi perché dovresti farlo, sappi che anche se i “commerciali” sono rari, ciò non ti da automaticamente ogni vantaggio e la garanzia di avere i mandati o accaparrarti i posti migliori da dipendente commerciale. La selezione è dura ovunque e le grandi aziende per le quali è più facile vendere e dove fai più soldi vogliono soltanto i talenti migliori e – indovina un po’ – il modo principale che hai per dimostrarlo è un curriculum vincente che ti faccia emergere tra i candidati, ti porti all’intervista e funzioni come la tua miglior brochure di vendita personale.

Per poter vendere per i migliori devi prima convincere i migliori che sai vendere, vendendo te stesso nel modo migliore.

Continua a leggere

Come connettere mansioni e risultati nel tuo Curriculum Vincente

Come spiegato nella precedente guida, un modo importante per far spiccare il tuo CV tra la massa è quello di impostarlo sui risultati che hai prodotto e non sulle mansioni. Anche se la teoria è chiara, molti clienti trovano difficoltà ad applicare. Ecco un approfondimento che ti sarà utile per far rendere più unico il tuo CV!

PS: a fine articolo troverai anche un’utile indicazione specifica per candidarti presso una grande impresa multinazionale leader della ricerca sul web e dei servizi internet…

Continua a leggere

Il curriculum vincente per artisti

GUIDA ALA CREAZIONE DEL CURRICULUM SU MISURA PER ARTISTI

maschera teatro attoreCome già spiegai per i visual CV ed i CV creativi, candidati in cerca di lavoro in settori specifici possono avere bisogno di strumenti diversi per trovare lavoro ed il settore artistico è uno di questi. Pertanto anche il curriculum vincente per artisti dovrà essere diverso da quello standard: se la sostanza e le regole per un CV dall’effetto WOW sono sempre le stesse, sarà la forma a dover essere adattata al nuovo contesto.

Per gli artisti, come vedremo, il CV diventa sempre più minimal perché spesso è possibile mostrare ciò che si sa fare e non c’è bisogno di descriverlo con le parole, tanto che in alcuni casi estremi il CV diventa solo un concetto e non più un file word o foglio di carta.

Per questi motivi, ho scritto questo articolo a quattro mani col caro amico Alessio Medas, attore italiano da film con esperienze anche in ambito pubblicitario, specializzato in ruoli carismatici e peculiari, per aiutarti a realizzare il tuo curriculum vincente da artista e, in particolare un show reel perfetto se sei un attore o lavori nel settore cinematografico ed affini. Continua a leggere

Come utilizzare LinkedIN per trovare lavoro

LinkedIn_NetworkRispondo qui alla precedente domanda: ora che ho un profilo forte, come utilizzare LinkedIN per trovare lavoro?

Di per sé LinkedIN è un enorme motore di ricerca e già funziona se, semplicemente, ci sei e hai compilato un profilo con le corrette parole chiave che ti rendono trovabile. Per sfruttarlo al meglio però ci sono tre principali attività da compiere:

  • rispondere direttamente agli annunci
  • allargare la rete di contatti e fare neworking
  • sfruttare il potenziale dei gruppi di discussione
  • gestire al meglio la tua bacheca

Quest’ultimo punto è quello in cui molti fanno errori madornali che voglio aiutarti ad evitare!

Continua a leggere

LinkedIN: a cosa serve davvero

Se cerchi lavoro, oggi è davvero importante essere presenti sui social network più diffusi, sia per farsi trovare che per consentire ai recruiter di approfondire la tua conoscenza prima di chiamarti. Ecco perché voglio spiegarti cosa è LinkedIN: a cosa serve davvero e perché dovresti sempre mettere il link al tuo profilo LinkedIN nel tuo curriculum vitae.

LinkedIN è una delle principali fonti usate dagli head hunters per la caccia ai talenti e ricerca del personale a livello globale; uno di quei posti in cui ogni recruiter va alla ricerca di candidati per la propria impresa ed i propri clienti. Se tu non ci sei, rischi di restare invisibile sotto i radar di chi potrebbe offrirti un lavoro quando invece tu vorresti la massima visibilità.

Molti mi chiedono:

Ma LinkedIN serve davvero? È utile proprio a tutti?
O è solo per le professioni più intellettuali e qualificate?
E davvero funziona anche in Italia?
Che utilità avrei a collegare il profilo al mio CV?

Sto per risponderti a tutte queste domande!

LinkedIN Continua a leggere

Passo “zero”: parti da te stesso

CHI CONOSCE GLI ALTRI È SAPIENTE, CHI CONOSCE SÉ STESSO È ILLUMINATO (LAOZI)

Fermati.

No, dico sul serio. Lo so che come primo articolo vorresti un testo sfavillante che ti dica in 5 punti su come finire il tuo CV ed iniziare ad usarlo subito ma qui si tratta di te, del tuo lavoro e del tuo futuro! Non puoi permetterti di buttarti alla cieca in un viaggio senza prima aver capito da dove parti e deciso dove vuoi andare. Dunque, la prima cosa da fare per scrivere un curriculum vincente è questa: parti da te stesso capisci chi sei e quale è il valore che offri.

autostima

Prima di scrivere il tuo CV, dovresti rispondere a queste 6 domande

  • Chi sono io?
  • Che obiettivi professionali ho, sia a breve che a lungo termine?
  • Dove voglio andare? Sia professionalmente che geograficamente.
  • Che cosa ho fatto sino ad oggi? Che traguardi ho conseguito?
  • Quale è il valore che posso portare ad un’impresa o ad un datore di lavoro?
  • Che servizi offro e che problemi risolvo a chi dovrebbe assumermi?

Continua a leggere