Database CV: i 5 top database on-line dove inserire il tuo curriculum vitae

La ricerca di lavoro prevede una modalità proattiva ed una passiva: come spiegato nel precedente articolo, quella passiva prevede di distribuire il tuo CV dove puoi essere trovato più facilmente e per questo ti descrivo quelli che secondo me sono i migliori database di CV on-line dove inserire il tuo CV, i più usati da aziende, recruiter ed agenzie per il lavoro.

In Italia abbiamo una scelta abbastanza limitata in questo senso, dato che i portali per la ricerca di lavoro usati dai recruiter sono abbastanza ridotti di numero. Infatti, siti come Subito.it o Kijiji sono siti per comprare e vendere un po’ di tutto. Subito.it è un valido sito di annunci ed anche io lo uso come “ripetitore” per massimizzare la visibilità dei miei annunci ma non è di certo lo strumento principale di ricerca di nuovi candidati perché è troppo generico, anche se per te, in cerca di lavoro, può essere utile tenerlo sotto controllo.

I veri siti web per il lavoro si contano sulle dita di una mano e sono quelli dove, prima di poter rispondere ad un annuncio, devi necessariamente compilare il tuo profilo ed inserire il tuo curriculum vitae.
Forse hai sempre pensato che tale procedura fosse per farti rispondere agli annunci più velocemente – ed in parte è vero – ma è anche per far finire il tuo CV in database virtuali utilizzati dalle agenzie di recruitment e dalle aziende per l’head hunting. 

Ecco quindi la top 5 database CV per un candidato, visti con gli occhi di un recruiter


1) Indeed: oltre che essere un sito per la pubblicazione di annunci, è un portale che raccoglie gli annunci di lavoro pubblicati su altre piattaforme ed è quindi molto conveniente per avere un’ampia visuale di tutte le offerte di lavoro pubblicate su altri portali e vari siti web.
Il miglior vantaggio per te candidato è che ti consente un inserimento dei dati veramente molto veloce, in quanto Indeed “copia” i dati del tuo CV in un nuovo formato di testo semplice, è rapido da aggiornare e consente un’ottima personalizzazione dei dati.
Tale procedura consente ai recruiter di effettuare efficaci ricerche per parole chiave con grande facilità, facendo aumentare le tue possibilità di venire trovato più facilmente se hai un CV valido e ben scritto.
Indeed non è immediatissimo: non consente infatti ai recruiter di chiamarti direttamente ma questi devono prima scriverti per email per sottoporti l’offerta di lavoro. Se è di tuo interesse, allora dovrai fornire la tua autorizzazione a farti contattare telefonicamente. Per questo motivo devi fare attenzione alle email che ricevi e devi accertarti che il tuo numero di telefono inserito nei database sia sempre aggiornato!
Sino ad Aprile 2017, Indeed si aggiudicava la prima posizione senza mezze misure perché l’accesso al suo database era completamente gratuito. Purtroppo da Maggio 2017 le cose sono cambiate ed Indeed ha adottato una politica decisamente poco condivisibile per monetizzare (giustamente) il suo database CV: da tale data infatti il costo base che il recruiter sostiene per contattare un candidato è di ben 2 euro a messaggio, senza nemmeno sapere se il candidato è potenzialmente interessato o se il CV è aggiornato. Un costo a “scatola chiusa” che può disincentivare il suo utilizzo da parte dei recruiter e che così va a svantaggi anche dei candidati.

2) LinkedIN: è ormai noto a tutti ed è la piattaforma dove non puoi non esserci se vuoi essere competitivo nel mondo del lavoro. Di fatto, LinkedIN è a metà tra un social network ed un enorme database di CV, con la possibilità di pubblicarvi annunci ad alta visibilità soprattutto presso un’utenza di candidati medio-alta.
Per quanto il suo potenziale sia enorme, LinkedIN è limitato da una certa lentezza nelle connessioni tra professionisti: prima di poter parlare al telefono con un candidato, il recruiter interessato a te deve chiedergli l’amicizia ed il tempo per entrare realmente in contatto può essere molto più lungo di quel che si possa immaginare.
Aiuta moltissimo caricare il PDF del proprio CV come allegato nella sessione dedicata alla propria descrizione personale, cosa che però non tutti i dipendenti possono permettersi di fare per ovvi motivi.
Se sei in cerca di lavoro, allora pubblica i tuoi contatti email e telefonici in bella vista anche in quella sessione, non solo nello spazio appositamente dedicato ai contatti! Tali dati, infatti, vengono nascosti a chi è fuori dalla tua rete: se li rendi noti in anteprima, riduci di molto i potenziali tempi di contatto.
Valutando l’insieme tra i tempi di contatto con il suo potenziale di relazioni, a LinkedIN va la seconda posizione soprattutto se sei un professionista senior con un profilo molto alto. In caso diverso, per quanto valga la pena di iscriversi sempre a LinkedIN, per te candidato è meglio puntare sugli altri siti.

3) Help Lavoro: è un’importante piattaforma per la ricerca di lavoro. Forse non è la prima in assoluto, con tanti elementi migliorabili, ma ha anche molti punti di forza tra i quali un database con accesso diretto ai CV e relativi contatti dei candidati.
Ciò significa che un recruiter è in grado di vedere il tuo CV così come tu lo pubblichi e può contattarti subito senza il giro di email che è il principale limite di Indeed e siti simili.
Senza addentrarci nei “contro” che riguardano soprattutto il recruiter, il consiglio principale è quello di caricare il tuo CV in formato PDF perché interagisce meglio di tutti gli altri formati con la struttura di Help Lavoro.
Sappi che, assieme a Monster, questa è una delle piattaforme che consente ad un CV fatto con il metodo di Curriculum Vincente di brillare di più e distinguersi dalla massa!
Per un recruiter,  Help Lavoro ha attualmente filtri un po’ limitati, non di certo paragonabili alla ricchezza di opzioni di indeed, ma è comunque competitivo grazie al numero dei candidati e ad una finestra di anteprima dei CV che aiuta ad ottimizzare i tempi di ricerca.
Grazie al fattore “immediatezza”, il suo database si aggiudica la terza posizione a breve distanza da LinkedIN, con il quale è praticamente in “pareggio”, sebbene per motivi diversi. Se verrà migliorata l’interfaccia per i recruiter, potrebbe fare un importante balzo in avanti, entrando in forte competizione con gli altri concorrenti che si aggiudicano le posizioni più in alto.

4) Monster: è probabilmente il sito di annunci numero uno in Italia soprattutto per i profili manageriali, quello dove devi esserci per avere accesso alle offerte migliori, ma non si può dire altrettanto per il database CV.
Un vantaggio di Monster per te candidato è che ti consente di caricare il tuo CV così come è, senza perdere ore a compilare inutili moduli ed è comunque un’ottima piattaforma dove far risaltare il tuo curriculum vincente.
Il problema principale di Monster per un recruiter è che fornisce un’anteprima dei CV dei candidati veramente minimal: è solo un brevissimo specchietto riassuntivo praticamente inutile. Dunque ogni recruiter deve sprecare tempo e crediti (cioè soldi) per aprire uno ad uno i CV sino a quando non trova i candidati giusti da contattare.
Il costo di accesso mensile o l’acquisto di crediti per visualizzare i CV è impegnativo e non tutte le agenzie di ricerca e selezione vogliono tenere quel canale sempre aperto.
Per quanto sia facile contattare subito un candidato, grazie al numero di telefono subito disponibile su ogni CV, Monster è decisamente meglio come sito di annunci e rimane tra gli ultimi ranghi per via dell’anteprima povera e dei motori di ricerca migliorabili, preservando invece il primo posto come sito di annunci di lavoro.

5) Infojobs: è un sito molto valido dove cercare lavoro, che in italia si contende con Monster il primato del più diffuso sito di annunci di lavoro, anche se con un focus più ampio. Il sito è realizzato con una buona interfaccia grafica ed anche il database CV è sicuramente interessante: funziona a metà tra Indeed e le piattaforme a pagamento, dato che il recruiter può vedere gratuitamente il tuo CV ma non il tuo numero di telefono né il tuo nome e deve pagare per poter avere la possibilità di chiamarti ed approfondire con te l’offerta di lavoro.
Sino a qui tutto bene, ma lo spazio per descrivere l’offerta è veramente minimo ed il rischio che un candidato rifiuti dopo una telefonata di approfondimento è sempre presente.
Questo elemento è un potenziale dissuasore per chi ti cerca, dato che non tutti i recruiter ed head hunter accettano il rischio di dover pagare (se non sbaglio ben 8 euro) per ogni contatto senza la certezza che l’offerta sia di reale interesse per il candidato. Il tutto, chiaramente, a seconda del taglio della ricerca.

Onorabile menzione: JobYourLife. Si tratta di un sito per l’on-line recruiting molto interessante perché consente di avere una geo-localizzazione dei candidati molto accurata. Funziona un po’ come TripAdvisor per i ristoranti e simili ma è dedicato al lavoro ed ai candidati.
Il sistema è ingegnoso ed è utile alle aziende che hanno la necessità di sviluppare strategie di coinvolgimento dei candidati fortemente collegate al territorio locale ma il costo per utilizzarlo è parecchio elevato: 8 euro come costo base per contattare un candidato a scatola chiusa può essere un forte deterrente al suo utilizzo. Vediamo come evolve quest’ottima idea!


PARTE 2: SITI SPECIALISTI ED ESSERE “CACCIATI” DAGLI HEAD HUNTER

Nonostante l’utilità per te di inserire il tuo CV in un database on-line, tieni presente che più il tuo profilo è comune, meno possibilità avrai di essere ricercato tramite “caccia” su database, ma dovrai essere tu a candidarti agli annunci di lavoro. Anche nel peggiore dei casi, essere presenti su tali database è comunque un bene, perché avere un profilo on-line pulito e chiaro ti serve innanzitutto per rispondere agli annunci di lavoro e, se qualcuno ti cerca tramite questi canali, tanto meglio!

Ci sono poi altri siti con database on-line meno noti ma sempre utili per leggere gli annunci pubblicati e candidarsi.

Un elenco parziale include:

  • Euspert / Bianco Lavoro
  • CareerJet, una sorta di “clone” di Indeed
  • Job Rapido
  • Job Gratis
  • Oggi Lavoro
  • Banca Lavoro
  • Limen B2B, una sorta di social del lavoro non proprio concorrente di LinkedIN

Molti di questi siti sono siti “clone” o start-up emergenti che devono ancora affermarsi nel mercato Italiano, alcuni con maggiori qualità di altri: un motivo valido per tenerli sott’occhio è che dove c’è meno visibilità c’è anche meno competizione e vale la pena sperimentare le risposte che si ottengono in base al proprio settore professionale.

Ci sono poi i siti specialisti in determinate categorie di figure professionali.

Un esempio  è dato dai siti gemelli Agenti.it e Venditori.it, così come Agenti di commercio.it, Everap dedicati a chi è agente di commercio con posizione ENASARCO ed agli specialisti in genere nelle reti vendite. Oppure AlmaLaurea per i neo-laureati. Anche qui devi assolutamente esserci solo se tu fai parte della specifica categoria professionale, altrimenti non perdere nemmeno il tuo tempo con l’iscrizione.

Ricordati che anche il miglior Curriculum Vincente non serve a niente se rimane chiuso in un cassetto e nessuno lo legge!

Mattia Loy
ilcurriculumvincente@gmail.com

Nota: i loghi qui raffigurati sono dei rispettivi proprietari e nessuna violazione è qui intesa. Tali loghi sono utilizzati unicamente come supporto visivo  per il lettore, a favore dei temi trattati.
La classifica dei siti è in costante aggiornamento e basata sull’esperienza soggettiva quotidiana. 


appendice – con gli occhi di un recruiter

Come mi è stato richiesto, condivido delle schermate (appositamente censurate per la tutela dei dati sensibili) che mostrano come un recruiter vede e trova i vari CV tra i vari database on-line.

Indeed

Ottima anteprima dei CV, motore di ricerca e filtri dettagliati e rapidi. Solo un po’ lento il sistema di contatto e “rischioso” pagare 2 euro solo per inviare una email alla cieca, senza nemmeno poter testare l’interesse di un candidato.

MONSTER

Buon motore di ricerca, ma l’anteprima dei CV è veramente minimal e costringe a spendere crediti per capire anche solo se il CV di un candidato ha elementi di effettivo interesse oppure no.

HelpLavoro

Molto bilanciato tra pro e contro, ma le opzioni di ricerca, l’ergonomia e l’anteprima dei dati sono davvero insufficienti.

HelpLavoro

Almeno consente di vedere subito i CV salvati in PDF, e di chiamare o scrivere subito ad un candidato se di interesse.

5 pensieri su “Database CV: i 5 top database on-line dove inserire il tuo curriculum vitae

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *